Terapia sclerosante ed elastocompressiva delle flebopatie


Tournay, Padre della Flebologia francese, ebbe a dire, nella seduta del 28 febbraio 1948, che l’obiettivo, dell’allora neonata Società Francese di Flebologia, era quello di raccogliere …tutti i medici, specialisti o non, anche se non in attività, che si interessavano della patologia venosa… Parafrasando il grande Flebologo, posso dire che questo libro è destinato a tutti i medici, specialisti o non, che si interessano della patologia venosa…purché siano in attività! Voglio con questo sottolineare che, l’aspetto esclusivamente pratico del libro è destinato ad una “messa in opera” completa dell’attività del Flebologo, e in particolare dello scleroterapeuta. Il libro si prefigge di assistere il Collega in tutte le fasi della organizzazione e dello svolgimento della sua attività, muovendosi in tre direzioni espositive. 1) La scleroterapia. Essa è trattata nei diversi aspetti tecnici, sia che prevedano l’uso della schiuma che quella degli sclerosanti liquidi, secondo la tecnica svizzera di Sigg, su cui il testo è concettualmente centrato, essendo essa il peculiare contributo della Scuola di mia appartenenza. Ciò nonostante, ho voluto evitare una eccessiva faziosità nell’impostare questa complessa materia, pertanto ho coinvolto autorevoli Flebologi, nell’arricchire ed ampliare il mio orizzonte professionale. Particolare spazio ho voluto dare ai controlli strumentali a distanza e al problema delle recidive dopo scleroterapia, nell’unico capitolo (XIII) dove la bibliografia è indicizzata per singolo argomento nel testo, in quanto ritengo che nessun aspetto di questa nuova materia sia dogmaticamente accettabile, ma bisognoso, di ulteriore dialettica, realizzabile con il confronto e conforto della più ampia letteratura. In esso ho cercato di stigmatizzare la semeiotica ecoDoppler della vena sclerosata e la metodologia clinica del follow-up post-terapeutico. 2) L’organizzazione dello studio. I capitoli ad essa dedicati (VI e XV) sono indirizzati a chiunque si occupi di Flebologia in senso ampio e non solo di Scleroterapia. Il lavoro del Flebologo è e resterà esclusivamente ambulatoriale, Egli nella sua “bottega” personalizza non solo il rapporto col paziente, ma anche quello con i presidi terapeutici. Un aiuto per imparare ad appropriarsene e a personalizzarli, può essere trovato anche nei capitoli dedicati alla terapia elastocompressiva (X) e alla terapia dell’IVC (III). 3) La formazione specialistica delle figure professionali che affiancano il Flebologo nella sua attività. È prerogativa del medico preparare ed addestrare chi avrà il compito di fornirgli la sua preziosa e indispensabile collaborazione. Questo testo vuole aiutare il medico in questo complesso compito, fornendogli uno strumento di didattica (Cap III sez IV e V; Cap VI e X) dedicato ai suoi collaboratori: infermiere (terapia compressiva) e fisioterapista (drenaggio linfatico manuale). A loro sono destinati questi capitoli, che pertanto sono stati “settati” sul loro standard di formazione e non su quello del medico. A tal proposito ringrazio la Dr. Bracale per l’importante collaborazione offerta sul piano didattico nell’adeguata esposizione degli argomenti destinati a tali profili professionali. L’aspetto pratico che ha informato la stesura del libro, non mancherà di palesarsi man mano che il lettore, andando avanti nella sua esperienza terapeutica, ne scoprirà l’interesse, ricorrendo alla rilettura di questo o quel capitolo, per utilizzarne i contenuti a misura delle proprie mutevoli esigenze. Pertanto il metodo che mi sono imposto è stato quello dell’ estremo sintetico schematismo; necessariamente le tabelle e le immagini sono dense di dati importanti e vanno attentamente studiate, ne guadagnerà in scorrevolezza la lettura del testo.

Dettagli Articolo

Tipologia: Libro
Autore: Ferrara F.
Pubblicato: 2009, Volume di 384 pagine riccamente illustrato a colori
Casa Editrice: Piccin
ISBN: 978-88-299-1984-0

Prezzo: € 150.00

Prezzo Scontato: € 135.00

Loading Aggiornamento carrello...